top of page

IN EQUILIBRIO TRA LAVORO E VITA PRIVATA: L’IMPORTANZA DEL WORK LIFE BALANCING


Una questione da sempre aperta, resa più che mai attuale negli ultimi 3 anni, con l’intensificarsi dello Smart Working.

Il work life balancing è avvertito come priorità, una ricerca di equilibrio necessaria per mantenere il proprio benessere mentale e – al contempo - ottimizzare le proprie performances sul lavoro, innescando un circolo virtuoso di motivazione.


DI COSA SI TRATTA?


Facciamo un passo indietro: con l’espressione work life balancing intendiamo letteralmente il mantenimento dell’equilibrio tra lavoro e vita privata.

Insomma, è ciò che scongiura il pericoloso fenomeno del burnout, dovuto a carichi eccessivi di lavoro e dall’incapacità di “staccare la spina”.

Nonostante sia un concetto di lontana origine, con la pandemia (e quindi lo smart working) il work life balancing ha acquisito sfumature differenti, dovute a una più profonda e tangibile consapevolezza: la flessibilità, l’essere costantemente raggiungibile rende difficile delineare un confine tra lavoro e vita privata.

Il rischio? Essere sempre online, sempre reperibile implica un’invasione della propria sfera personale, il dover pensare al proprio lavoro anche nei momenti di riposo o ferie.

Questa consapevolezza che ha portato anche una traslazione di responsabilità: dovrebbe essere responsabilità delle aziende attivarsi, mettere in atto una serie di politiche finalizzate a fornire il giusto supporto ai dipendenti.


WELFARE AZIENDALE: UNA POSSIBILE SOLUZIONE


Uno strumento prezioso per mantenere un buon equilibrio sfera lavorativa/personale è lavorare per aziende che abbiano un collaudato sistema di welfare, definizione che include l’insieme di benefit, soluzioni e iniziative adottati dall’azienda/datore di lavoro, finalizzate al miglioramento della sfera psicofisica e lavorativa del dipendente.

Preoccuparsi per il benessere dei propri dipendenti, garantendo flessibilità oraria, benefit ecc., rappresenta – per le aziende - una sfida che però ripaga nel medio e lungo periodo in termini di produttività, ma anche di reputazione aziendale.

Comentários


bottom of page