top of page

BENESSERE MENTALE SUL LUOGO DI LAVORO: COME PROMUOVERE UN AMBIENTE SANO


In un contesto lavorativo che risente ancora degli strascichi dell’emergenza sanitaria, il tema del benessere mentale è diventato un tema di cruciale importanza.

Ritmi sempre più frenetici, competitività e necessità di essere sempre “sul pezzo”: un mix che mette a dura prova i lavoratori, sopraffatti da un carico di stress sempre più pesante.

Senza contare che - a causa della pandemia - lo smart working si è diffuso sempre più, rendendo molto labile il confine lavoro/vita privata e aumentando il carico di lavoro.

Per questo motivo, i responsabili delle risorse umane sono consapevoli dell’importanza del benessere mentale dei dipendenti, in quanto questa si ripercuote positivamente sul rendimento e - più in - generale sull’ambiente lavorativo stesso.

Benessere mentale = dipendenti più sereni.

Dipendenti più sereni = dipendenti più produttivi.

Un circolo virtuoso che, innescandosi, svolge un ruolo importante nel corretto funzionamento di un’azienda.


MA COSA SIGNIFICA?


Facciamo un passo indietro e vediamo cosa si intende per “salute mentale”.

Possiamo definirla come una condizione di benessere che scaturisce dalla capacità di fronteggiare in modo sereno sfide e situazioni (nello specifico, lavorative) e l’essere in grado stabilire relazioni appaganti.

Uno studio ha portato alla luce dati poco rassicuranti: secondo l’OMS più della metà della popolazione è incappata in un disturbo mentale nel corso della propria vita e in gran parte sono conseguenza diretta di situazioni che si presentano in ambito lavorativo (burnout, mobbing, o “semplicemente” eccessivo carico di lavoro).

Per questo motivo si raccomanda caldamente alle aziende di non sottovalutare la situazione, adottando provvedimenti concreti per fronteggiare tutto ciò.


COME?


Innanzitutto, attraverso la consapevolezza e la formazione.

Sensibilizzare i dipendenti sui problemi legati alla salute mentale riduce lo stigma e incoraggia la comunicazione aperta.

L'implementazione di programmi di formazione per manager e dipendenti può aiutare a riconoscere segnali precoci di stress e ansia.

Fondamentale è anche incentivare uno stile di vita equilibrato: concedere pause regolari e offrire spazi dedicati al relax sono strategie efficaci.

La flessibilità nell'organizzazione del lavoro - sul posto o in smart working - può contribuire a ridurre lo stress legato agli spostamenti e migliorare l'equilibrio tra vita professionale e privata.

Altrettanto importanti le iniziative di sostegno psicologico: offrire servizi di consulenza può essere cruciale per affrontare i problemi in modo tempestivo e creare un clima di supporto, in cui i dipendenti si sentono ascoltati e compresi.

 

Le aziende che adottano politiche e iniziative mirate, non solo creano un ambiente più produttivo, ma dimostrano anche un impegno tangibile verso il benessere dei loro team, contribuendo a costruire una cultura aziendale che valorizza la salute mentale.

Comments


bottom of page