VINO MADE IN ITALY: I NUMERI DELL’EXPORT

VINO MADE IN ITALY: I NUMERI DELL’EXPORT


16 novembre 2021 | Lavoro e dintorni
VINO MADE IN ITALY: I NUMERI DELL’EXPORT

Lo diciamo subito, i numeri dell’export enologico italiano sono in netta crescita fin dai primi mesi di questo 2021. Le stime parlano di un +15% da Gennaio a Luglio 2021, che tradotto in soldoni potrebbe attestarsi intorno ai 7 miliardi di euro entro fine anno.

Come spesso accade, l’Italia vitivinicola riesce ad interpretare bene le esigenze dei mercati riuscendo a soddisfare, in questo caso, la crescente domanda dei mercati internazionali.

Le spedizioni verso l’estero sono aumentate del 6%. Sotto la spinta di una domanda fortemente dinamica e orientata verso segmenti a più elevato valore aggiunto, le performance dei vini Dop stanno raggiungendo livelli di assoluto interesse, attestandosi ad un +17%.

Per quanto concerne i prezzi, va sottolineato che l’Italia è il Paese che negli ultimi anni sta godendo di una maggiore valorizzazione sui mercati esteri. I listini, nel periodo indicato, sono quasi triplicati rispetto a a due decadi fa. Siamo passati da 1,3 euro al litro della fine degli anni ’90, ai 3 euro al litro dello scorso anno. Parliamo dunque di un forte aumento, quasi il 130%. Se prendiamo come esempio il nostro maggiore competitor sui mercati esteri, la Francia: noteremo che quest’ultima, dal 2007 è passata dai 5 euro al litro ai 4,2 euro.

I principali clienti restano gli Stati Uniti che nella prima metà del 2021 hanno già importato 2,5 milioni di ettolitri di vino, pe runa cifra che viaggia sul miliardo di euro.

 

Commenta questo articolo