TEMPO DETERMINATO NEL “SOSTEGNI BIS”

TEMPO DETERMINATO NEL “SOSTEGNI BIS”


30 luglio 2021 | Lavoro e dintorni
TEMPO DETERMINATO NEL “SOSTEGNI BIS”

Il dibattito e i provvedimenti relativi al lavoro, al tempo del Covid, hanno assunto un ruolo centrale nelle agende politiche e, senza dubbio, anche nei lavori dei governi Conte e Draghi. In concomitanza con il decreto “Sostegni Bis” è arrivato un nuovo provvedimento, che dovrebbe agevolare aziende e lavoratori nella gestione dei contratti a tempo determinato.

Viene infatti prorogata la possibilità di prolungare i contratti a tempo determinato, anche senza causale – ad oggi lo si poteva fare fino a 12 mesi – fino al 30 settembre 2022.

Come detto, la proroga è stata inserita nella Sostegni bis.

Va detto che tale possibilità, può attuarsi in presenza di specifiche esigenze previste dai contratti collettivi.

La norma dovrebbe rendere ulteriormente flessibile la gestione del tempo determinato, estendendo i termini finora in vigore.

Non prevedendo decreti attuativi, la norma di cui stiamo trattando, dovrebbe entrare in vigore contestualmente alla conversione del Sostegni bis.

Per spiegarci meglio, allo stato attuale, esiste la possibilità di stipulare un contratto a termine della durata massima di 24 mesi. I primi 12 possono sussistere senza una causale, mentre i successivi 12 necessitano di causale. Con la norma sopracitata, si potrà estendere oltre i 12 mesi, un contratto a tempo determinato senza causale. Tale dinamica potrà sussistere fino al 30 settembre 2022, rispettando la non estendibilità dei contratti a tempo determinato oltre i 24 mesi.

Per quanto attiene le restanti regole relative ai contratti a termine, continueranno a sussistere quelle già in atto. Ad esempio non sono previste più di 4 proroghe nei 24 mesi; il superamento delle 4 proroghe porterebbe ad un tempo indeterminato automatico. Come sempre, laddove i contratti siano inferiori ai 6 mesi, la proroga dovrà attendere 10 giorni, mentre l’intervallo sarà di 20, laddove il primo contratto sia superiore ai 6 mesi.

 

Commenta questo articolo