OBBLIGO DI GREEN PASS: TRASPORTO E LOGISTICA. LE PROBLEMATICHE.

OBBLIGO DI GREEN PASS: TRASPORTO E LOGISTICA. LE PROBLEMATICHE.


18 ottobre 2021 | Lavoro e dintorni
OBBLIGO DI GREEN PASS: TRASPORTO E LOGISTICA. LE PROBLEMATICHE.

Ormai ci siamo, il 15 ottobre 2021, è scattato per tutti l’obbligo di green pass per accedere ai luoghi pubblici ed ergo per accedere ai luoghi di lavoro.

Una decisione critica che porta con sè una serie di dibattiti e, come tutte le decisioni importanti, la costituzione di fazioni pro e contro il provvedimento.

Ciononostante siamo giunti all’ora della verità, al punto di non ritorno, da oggi per tutti coloro che non sono muniti di green pass, scatta l’obbligo di tampone. Vediamo nello specifico qual è lo stato dell’arte.

In primo luogo, ci risulta in atto un boom di prenotazioni di tamponi presso le farmacie. In particolare, sono prese d’assalto i posti disponibili per il tampone mattutino, in orario, per poter accedere ai luoghi di lavoro. Il settore più interessato da questa dinamica è quello dei trasporti e della logistica, vale a dire uno dei settori con il più alto tasso di lavoratori sprovvisti di green pass. Per questi (come per altre categorie) si fa un gran parlare di gratuità del tampone.

Allo stato delle cose, il rischio più imminente è quello relativo all’esaurimento delle scorte di tamponi, presso le farmacie. Infatti, risultano essere troppi i 2,5 milioni di lavoratori che attualmente sono sprovvisti di certificato verde. Inoltre, nella fascia oraria 8 – 9 del mattino, si rischia la congestione.

Allo stato attuale potrebbe essere ancora fattibile operare in questo senso, ma alla lunga, la soluzione dei tamponi rischia di non essere più sostenibile. Per quanto concerne i prezzi, allo stato attuale siamo intorno ai 15 euro (per quelli con validità 48 ore) mentre tra i 30 e i 40 euro per quelli con validità 72 ore. Stiamo parlando, per ogni lavoratore, di una spesa minima di 45 euro. Settimanali.

Motivo per il quale, il dibattito si sta accendendo sull’opportunità di renderlo gratuito.

 

Commenta questo articolo