LA DAD NEL MONDO DEL LAVORO

LA DAD NEL MONDO DEL LAVORO


29 aprile 2022 | Lavoro e dintorni
LA DAD NEL MONDO DEL LAVORO

LA DAD NEL MONDO DEL LAVORO
I grandi cambiamenti sono sempre figli di momenti di crisi. Sono quelle fasi in cui
le comunità umane ripensano in parte o in tutto il loro modo di vivere e di definirsi
società.
Il lavoro è alla base dei rapporti sociali. Potersi dire parte di una società, passa
necessariamente attraverso l’impegno lavorativo. Questo determina il poter
interagire a vari livelli con i propri consociati.
In questo senso, l’apprendistato è sicuramente un rito di passaggio che, fin dal
Rinascimento, ha caratterizzato tanti ambiti lavorativi. Il poter trasmettere un
mestiere è sicuramente una parte importante del nostro lavoro.
All’indomani della pandemia – in ragione di un’epoca di crisi – l’ispettorato del
lavoro ha deciso di approvare la formazione a distanza per l’apprendistato, da
svolgersi in modalità sincrona e tenendo il rapporto delle presenze. Siamo giunti
nell’epoca della DAD 8anche se in questo caso sarebbe meglio dire FAD) anche per
il mondo del lavoro.
La formazione da remoto, secondo l’ispettorato del lavoro, potrà essere erogata da
organismi accreditati ed eventualmente finanziata dalle aziende in caso di carenza
delle risorse messe a disposizione dalla Regione.
Come detto però, tutta l’organizzazione relativa alla formazione a distanza, deve
essere supportata da due presupposti: in primo luogo l’ente erogatore deve
garantire l’interattività; in secondo luogo, l’ente erogatore deve farsi garante del
controllo delle presenze, sia dei docenti che degli apprendisti.
La normativa fa riferimento all’accordo Stato – Regioni del 21 dicembre 2011, in
materia di formazione dei lavoratori.
L’ispettorato del lavoro fa particolare riferimento a tutti gli apprendisti detentori di
un contratto in CIG durante il periodo dell’emergenza. Si sottolinea così la
necessità di predisporre dei percorsi formativi, attraverso l’utilizzo di piattaforme
telematiche in grado di rilevare presenze.

Commenta questo articolo