AGRICOLTURA IN ROSA

AGRICOLTURA IN ROSA


22 aprile 2022 | Lavoro e dintorni
AGRICOLTURA IN ROSA

AGRICOLTURA IN ROSA

L’Italia è un paese dove la ricchezza naturale (oltre che storico antropica) non ha eguali. La stretta connessione che il popolo italiano ha con la propria “terra” è indissolubile e, seppur con alterne fortune, ha resistito allo sviluppo industriale. Negli ultimi anni, sono sempre più i giovani che “ritornano alla terra”, è questo per un paese come il nostro, è senza dubbio un valore aggiunto.Nell’ottica di favorire l’imprenditoria femminile, legata allo sviluppo agricolo, l’ultima legge di bilancio propone una serie di incentivi decisamente interessanti.In primo luogo si è provveduto alla semplificazione dell’accesso alle agevolazioni per il subentro in agricoltura, come previsto dal Titolo I, Capo III, D. Lgs 185/2000. Nell’attuare queste semplificazioni, si è pensato di eliminare quale requisito d’accesso, nel caso di soggetti organizzati in forma societaria, quello della maggioranza numerica e mantenendo solo quello della maggioranza, per oltre la metà, delle quote di partecipazione di donne o giovani.Altro provvedimento previsto dalla legge di bilancio, è quello relativo al trasferimento delle risorse del fondo garantito dall’art. 1, comma 506, della legge 27 dicembre 2019, n. 160 alle agevolazioni previste dal Titolo I, Capo III, D. Lgs 185/2000. Ciò che resta invariato è la destinazione dei fondi, che resta ad uso esclusivo delle imprese dirette da soggetti donne.All’indomani di questi importanti provvedimenti, le imprese dirette da donne (senz’alcuna limitazione sull’età), oltre a disporre di una dotazione finanziaria personalizzata, potranno godere di ulteriori incentivi e agevolazioni: In primo luogo un contributo pari fino al 35% del valore del progetto; un mutuo a tasso zero fino al 60% del valore del progetto.

Commenta questo articolo